Saturday, March 10, 2007

HO BRUCIATO LE TAPPE E MI SONO SCOTTATO ovvero Spirito del Tempo e Ironia dello Spazio

Pietro Campanile

HO BRUCIATO LE TAPPE E MI SONO SCOTTATO ovvero Spirito del Tempo e Ironia dello Spazio

Collana Le scommesse

Edizioni Progetto Cultura 2003 S.r.l.

Metafisica dell’Ironia. Dichiarazione d’intenti. Schizzofrenia.

Una scommessa per l’appunto. Tutto è in gioco. L’autore si mette in gioco e vi mette in gioco.

In poche parole il testo si presenta come una raccolta di pensieri e di aforismi, alla Lec per intenderci (vedi Pensieri spettinati). Ma in realtà o secondo la mia umile realtà oggettiva è un Decamerone dedicato al Cut Up. L’opera del Boccaccio rivisitata da William Burroughs.

La realtà così com’è reinterpretata e spezzettata secondo la volontà unica dell’autore.

Questa è la realtà in cui siamo, ben in vista, ma scomposta e sconclusionata volontariamente da quest’autore che sicuramente è una scommessa, non so se vinta, ma sicuramente da giocare.

Questo fa Campanile, più arguto che ironico, ironico solo a tratti in questa sua opera.

Dal suo punto di vista privilegiato, la sua vita , i suoi amici, le sue conoscenze, tutto quello che assorbe viene poi espulso in maniera scritta:

-Le principesse sono quelle ragazze con una matri­gna stronza.

E poi le vacanze, la sessualità, la polemica contro al società e contro TrenItalia, dove invita a stare tutti all’erta con Ironia:

È iniziata una nuova settimana. Anche oggi il lunedì è giunto in anticipo e Trenitalia non riesce a capacitarsi, mentre si scusa per il venerdì che già tarda ad arrivare.

Purtroppo non tutto è a livello alto, forse per vendere bisogna abbassarsi e Campanile lo sa e infarcisce alcuni brillanti pensieri con trovate goliardiche e cadute di stile, forse volontarie o forse no, ma questa è la realtà. Così è se vi pare.

Da leggere se vi piacciono Pirandello, Stanislaw Lec, Woody Allen e i b movie anni 70

No comments: