Friday, February 02, 2007

Lettera alla destra, alla sinistra e a noi

Lettera alla destra, alla sinistra e a noi

Cara nazione da reality che non sei altro...

Governata da autori televisivi in stile Campioni...che riciclano storie già viste e vissute offrendole in pasto a menti che una volta erano come le menti de L’Urlo di Ginsberg e invece ora sono nulle...appiattite e privata della memoria a breve e lungo termine...

Scandali tv come quelli del grande fratello, propaganda pseudo politica atta a promuovere il garantismo in un’azienda che per un motivo o per l’altro ha dovuto fare del garantismo, per via del suo presidente- politico, un cavallo di battaglia...

L’avevo predetto giorni addietro, appena uscito lo scandalo del Gf, l’avevo detto a chi è nell’ambiente del giornalismo, ma l’Italia è un paese che si fida solo di chi indossa certi abiti, un paese basato sul nulla quindi....l’avevo detto che quel concorrente sarebbe rimasto e avrebbero battagliato poi sul garantismo e non mi sembra per niente strano, basta conoscere chi fa le cose...

La lettera della moglie di un politico ad un giornale di orientamento opposto?

Lettera dove tra l’altro si pretendono le scuse del marito per un comportamento troppo sbarazzino?

Ma manco in Sud America! Altro che la repubblica delle banane che ci aveva coniato l’Avvocato.

Questa signora parte ora ma stranamente solo ora, quando deve uscire una legge che tocca le televisioni...

Esce solamente ora quando il suo lui promette di mandare in piazza 5 milioni di persone per il nulla televisivo...

Un paese che manda 5 milioni di persone in piazza per le televisioni? Ma guardiamoci una volta per tutte in faccia e sputiamoci negli occhi...

Un paese che non ricorda il caso Clinton, un’operetta già vista e vissuta, quando il buon padre di famiglia ritrova il consenso della nazione portando le sue scuse alla moglie tradita...

Ma la moglie perché non è uscita fuori quando suo marito ha fatto certe dichiarazioni sul presidente finlandese( era la lotta Helsinki Parma), anch’e lì fu molto esplicito(disse che usò tutte le suo doti di playboy), ma forse perché era al potere, il ruolo di don giovanni pesava di meno sull’unità familiare?

E non è un pezzo contro una persona questo, è un pezzo contro un sistema politica in putrefazione che continua a generare organismi dannosi per la nazione.

Un governo con una maggioranza minima in senato che deve votare sulla base americana a Vicenza può lasciare a casa 5 senatori? A prescindere dalle idee, guardatevi voi negli occhi e promuovete il vostro menefreghismo...

Per non parlare di tutte queste liberalizzazione, che a me, nessuno ancora è venuto a dirmi la verità.

Perché un governo di sinistra non è liberale...e se non vi sembra strano beh allora andate coi 5 milioni in piazza tanto per voi tutto è uguale...

Liberalizzare così il mercato autonomo e diretto del lavoro, vuole semplicemente dire che lavoro non ce n’è, aggiustatevi, apriteli i vostri negozi e fate quello che volete tanto poi le tasse io Stato liberale e autoritario di sinistra,le riscuoto da voi e se non state in piedi non è affar mio preoccuparmi perchè l’assistenzialismo è qualcosa che non riguarda la liberalizzazione ma dovrebbe interessare le sfere di quella che una volta era chiamata sinistra o no?

A parte il danno a chi aveva le licenze, poveri fessi a fare qualcosa di onesto e legale in Italia, avendolo per l’appunto pagato ad uno stato che nel suo insieme è quello che vi ho presentato grazie alle loro azioni..

Uno stato con una politica da reality

No comments: