Monday, January 01, 2007

"Una questione privata" è la guerra secondo Beppe Fenoglio

Libro non facile e proprio questo è un motivo in più per leggerlo.
"Una questione privata" viene considerato storicamente meno importante de "Il partigiano Johnny", l'opera sicuramente più conosciuta di Beppe Fenoglio.
Molto è stato detto è molto è stato scritto su questo autore controverso che parlò della Resistenza Italiana in maniera realistica e non per attirare pubblicità su di sè come Pansa, ma semplicemente per consegnare alla memoria collettiva il senso vero di quello che era realmente accaduto.
"Una questione privata" è una storia personale immersa nella guerra.
La storia di Milton, partigiano costretto alla guerriglia e innamorato.
Ma come si fà a pensare all'amore in guerra?
Un poeta polacco disse:
"sbocciano le rose anche quando il mondo brucia e va in fiamme".
E Milton guarda alle rose mentre tutto è sconvolto; la vita i valori, il mondo è sottosopra.
La realtà è soggettiva, sempre più soggettiva , soprattutto quando l'oggettività del mondo è dispersa alla pazzia.
Milton insegue Fulvia, la ragazza che ama,riparatasi forse a Torino.
E vuole sapere la verità. A tutti i costi.
Trasformando volontariamene il senso della guerra, riportandola giustamente al ruolo marginale che la guerra dovrebbe avere nella storia dell'uomo.
Comincia così la sua ricerca, non facile, difficile, compressa com'è dalle vicissitudine belliche del Monferrato.
Milton, eroe fenogliano, tutto d'un pezzo continua la sua vera battaglia nella cosa più importante, la sua questione privata. Fino alla fine in pagine storiche della letteratura italiana da leggere per capire la bellezza del mondo

No comments: