Saturday, January 06, 2007

Prodi e la giacca a vento di dieci anni fa - i vestiti nuovi dell'imperatore

Prodi, stai sbagliando: elogio della giacca vecchia. Riprendendo spunto dal mio articolo sullo sciopero dei giornalisti, e mi allaccio a quel discorso dove tutti è ormai trattato come Gossip, lo scrivo maiuscolo perché questo paese gli attribuisce troppa e tanta importanza. Tornando a quel discorso vi segnalo l’ennesimo caso di assurdità, di gente che non ha niente da fare ( proprio come me per carità ma almeno io penso o penso di farlo, cosa che vorrei questi gentili signori smentissero più presto, non direttamente a me ma con i fatti). Esce su La stampa di Torino un editoriale sulla giacca a vento di Prodi. Allora, già di suo un articolo sulle vacanze di Prodi non se lo si dovrebbe proprio filare. Ma un editoriale sulla giacca a vento di Prodi mi sembra troppo, non è mica l’impermeabile di Kerouac pagato 70000 dollari da Johnny Depp! E’ la giacca a vento di Romano Prodi!!! Abbondo con i punti esclamativi perché non mi costano nulla!!! Che dire? Non molto, a parte il fatto che è la stessa di dieci anni fa!!!! Scandalo, non sia mai, per quelli de La Stampa, seguiti dalla gran cassa di regime di Studio Aperto è uno scandalo! Indossare la stessa giacca a vento di dieci anni fa in società usa e getta come la nostra, come si muove il capitalismo se il professor Prodi non compra una nuova giacca a vento? In un paese il nostro, dove molte generazioni passate sono cresciute indossando i panni smessi dei fratelli maggiori, in un paese dimentico della parsimonia in tempi non certo facili c’è chi si permette di criticare una giacca buona che dura da dieci anni. E non lo fa al bar ma lo fa sui media! Hanno pagine di nulla da riempire e armadi vuoti svuotati di roba griffata. Dov’è il buon senso, non ricordano la storia di Buzzati dell’assunzione dopo il colloquio per aver raccolto uno spillo all’uscita della banca? No, non ricordano nulla, ricordano di più i miei pantaloni che hanno due anni e molto più buon senso di questa parte di società

No comments: